25/10/2013 - IL RICORSO DI PRIMO GRADO O DI APPELLO E' INAMMISSIBILE SE LA FOTOCOPIA DELLA RICEVUTA DI SPEDIZIONE E' STATA DEPOSITATA DOPO 30 GIORNI

 
 
 
 

Cass., Sez. trib., 11 settembre 2013, n. 20787

Il ricorso di primo grado o di appello è inammissibile se, entro trenta giorni dalla data della sua spedizione a mezzo posta alla controparte, non è stata depositata presso la segreteria la fotocopia della ricevuta di spedizione.

Ciò in quanto si tratta di un adempimento strumentale alla verifica, ad opera della Commissione tributaria, della tempestività dell’impugnazione, quindi ad evitare il passaggio in giudicato della decisione.

Non è sostenibile che la parte possa produrre la ricevuta di deposito in un momento successivo, ad esempio in udienza, siccome il mancato deposito non può essere sanato ex post.

Né può essere richiamato il principio espresso da Cass., SS.UU., del 14 gennaio 2008, n. 627, concernente la possibilità di depositare sino all’udienza l’avviso di ricevimento, in quanto si tratta di adempimento funzionale non ad impedire il passaggio in giudicato della sentenza, ma alla corretta instaurazione del contraddittorio.

Il deposito presso la segreteria del Giudice tributario adito, non solo della copia del ricorso in primo grado o in appello – nella specie portato a conoscenza mediante notifica cd. “diretta” ai sensi dell’art. 16, comma 3, DLgs. n. 546/1992 – ma anche della fotocopia della ricevuta attestante la data della spedizione per raccomandata dell’atto introduttivo o di impugnazione, assolve alla duplice funzione di consentire la verifica:

a) della osservanza del termine di decadenza per la proposizione del ricorso introduttivo (del giudizio di primo grado) ex art. 21 DLgs. n. 546/1992, impeditiva dell’eventuale consolidamento del rapporto tributario come definito dal provvedimento della Amministrazione finanziaria opposto, ovvero del termine di decadenza dalla impugnazione, previsto ai sensi degli artt. 51 e 62 DLgs. n. 546/1992 (con riferimento al giudizio di secondo grado e di legittimità), e dunque la verifica della idoneità del ricorso in appello (od in cassazione) ad impedire il passaggio in giudicato della sentenza impugnata;

b) della tempestiva costituzione in giudizio del ricorrente/impugnante, in quanto, con specifico riguardo ai gradi di merito, la decorrenza del termine di trenta giorni, per la costituzione in giudizio del ricorrente, è normativamente ancorata alla “spedizione”, e non alla ricezione del ricorso da parte del resistente.

Entrambe le predette verifiche – in quanto attinenti alla osservanza di norme di ordine pubblico processuale – debbono essere compiute “ex officio” dal Giudice e sono sottratte al potere dispositivo delle parti, rispondendo a preminenti esigenze di natura pubblica afferenti al controllo della regolarità dello svolgimento del processo, e conseguendo, in caso di esito negativo dell’accertamento officioso, la pronuncia di inammissibilità dell’atto introduttivo del giudizio, quale constatazione da parte del Giudice della esistenza di condizioni ostative all’accesso della domanda all’esame del merito e quindi impeditive dello sviluppo del giudizio verso il suo naturale esito che è volto a fornire la “regula juris” del caso concreto e quindi una decisione sul diritto controverso.

Deve essere, pertanto, escluso che il mancato deposito, nel termine di gg. 30 dalla spedizione a mezzo posta del ricorso in appello, della ricevuta della spedizione per raccomandata, possa essere “sanato ex post” dall’appellante con la – tardiva – produzione alla udienza di trattazione del documento mancante, e del pari irrilevante deve essere ritenuto – attese le evidenziate ragioni di ordine pubblico – l’eventuale comportamento processuale della controparte che, costituendosi in giudizio senza formulare eccezione, non potrebbe comunque impedire il passaggio in giudicato della sentenza impugnata con il ricorso inammissibile.

.

 
© 2010 - 2018 - STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LATTANZIO - Via Giorgio la Pira, 27 - Trani (BT) - P. Iva: 02093550719   -   info@studiolattanzio.it
Progettazione e Realizzazione by www.DELTAXMULTIMEDIA.it