07/09/2012 - SPETTA LA DETRAZIONE DELL’IVA SE IL CESSIONARIO NON E’ A CONOSCENZA DELLA FRODE DEL FORNITORE

 
 
 
 

Corte di Giustizia europea, sentenza del 6 settembre 2012, causa C-324/11

 Il diritto alla detrazione dell’Iva di un soggetto passivo non viene meno se all’emittente della fattura, fornitore delle prestazioni, è stata revocata la licenza di imprenditore individuale. Né può essere negata qualora quest’ultimo non abbia dichiarato i lavoratori alle sue dipendenze a meno che il soggetto passivo non sia a conoscenza che l’operazione su cui si fonda la detrazione si inserisce nell’ambito di una frode.

Spetta all’A.F., al fine di negare il diritto alla detrazione, provare che il destinatario della fattura era a conoscenza della suddetta frode commessa dal prestatore di servizio o da un altro operatore a monte della catena delle prestazioni.

 
© 2010 - 2018 - STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LATTANZIO - Via Giorgio la Pira, 27 - Trani (BT) - P. Iva: 02093550719   -   info@studiolattanzio.it
Progettazione e Realizzazione by www.DELTAXMULTIMEDIA.it